Modellismo navale statico Costruzione della chiglia

Modellismo navale statico Costruzione della chiglia

Se sei appassionato di modellismo, di sicuro ti sarai trovato di fronte l’opportunità di costruire un veliero con cui arredare gli scaffali del tuo soggiorno o del tuo studio: una nave in miniatura non è solo un soprammobile ma un complemento d’arredo prezioso perché fatto con le tue mani.
In questo tutorial troverai tutti i passaggi per realizzare la chiglia, spiegati con chiarezza uno ad uno, anche per te che sei alle prime armi nel mondo del bricolage e dell’hobbystica.

La chiglia nella nave

Con il termine di chiglia si intende quella parte della nave che va dalla prua alla poppa e percorre tutta la lunghezza del fondo del veliero.Nel caso delle strutture più grandi e degli scafi più impegnativi la chiglia viene costruita fondendo tra di loro più parti della carena collegate attraverso le cosiddette unioni a palelle, rinforzate da ulteriori perni di legno incastrati a metà tra i due tasselli, chiamati maschi da unione.
Alle estremità della chiglia sono posti il dritto di poppa, la coda, e il dritto di prua, la parte iniziale della nave che spesso è decorata con elementi figurativi a forma di sirena o con ispirazioni marittime come conchiglie e pesci.
La chiglia è costruita con un legno pregiato e con un essenza legnosa tra le migliori, di primissima scelta e molto stagionata. Il materiale deve essere solido, resistente, durevole nel tempo e inattaccabile dall’umidità. Essendo spesso a contatto con l’acqua sprigionata dalle onde del mare che si increspa sui fianchi della nave, la chiglia deve essere realizzata con un legno che non subisca alterazioni e rigonfiamenti, inattaccabile anche dall’azione della ruggine.

La chiglia può essere provvista anche da incastri chiamati battura, nei quali vanno ad incastrarsi i cosiddetti torelli e i madieri, le prime fasce del legname.Questi incastri consentono una perfetta aderenza e robustezza della chiglia, soprattutto quando è immersa nell’acqua o subisce sollecitazioni meccaniche; inoltre, i torelli e i madieri limitano qualsiasi alterazione dovuta ad una scarsa stagionatura del legno. Esistono poi degli scafi che sono soggetti a subire delle sollecitazioni particolarmente complesse proprio al centro, dove vengono costruite delle sezioni rinforzate e maggiorate.
Nel caso in cui, invece, la chiglia debba essere protetta da colpi ed urti, si costruisce la cosiddetta contro-chiglia fissata sulla superficie mediante dei collegamenti di metallo.

Come costruire una chiglia nel modellismo statico navale

Ci sono molteplici modi per costruire una chiglia in un modellino di veliero, secondo differenti stili e strategie. Il primissimo passaggio che devi effettuare è quello di recuperare tutti gli strumenti e i materiali necessari che sono quelli di seguito elencati:

  • progetto e disegno costruttivo
  • carta carbone della quantità necessaria a ricoprire tutta la superficie della chiglia
  • matita a punta fine, possibilmente con spessore 0,5 e meglio se a mine
  • puntine da disegno
  • righello da disegno tecnico
  • squadra da disegno tecnico
  • compensato di legno
  • archetto da traforo elettrico
  • carta vetrata n° 0 e carta abrasiva n° 500

Sono inoltre necessari altri strumenti per unire le varie parti della chiglia che sono di solito due o tre.

  • colla vinilica
  • un pianta-chiodi o in alternativa un martello leggero e preciso da 100 gr
  • piccoli chiodi in ottone o morsetti

Modellismo statico navale quale compensato utilizzare?

Se vuoi scegliere un compensato davvero di qualità puoi acquistare, nei negozi specializzati, il classico compensato a cinque strati in fibra legnosa di pioppo. Questi strati sono rifiniti su entrambe le parti in modo da inarcarsi il meno possibile.

Tutti i passaggi per costruire la tua chiglia passo dopo passo nel modellismo navale statico

  • Prendi il foglio di compensato di legno dello stesso spessore indicato nel progetto e nel foglio costruttivo, quindi posiziona sulla sua superficie il foglio di carta carbone copiativa e successivamente quello del disegno del progetto
  • Fissa per bene i due fogli sul legno, in modo che aderiscano perfettamente e che non si spostino, attraverso delle puntine da disegno. Ricordati di fare attenzione a lasciare dello spazio opportuno tra i contorni da ricalcare e le puntine fissative, in modo da sentirti libero di operare con squadra e righello. Stendi bene i due fogli in modo da limitare al massimo le pieghe della carta.
  • Ricalca il disegno utilizzando la matita a mina sottile, con precisione e senza fretta.
  • A questo punto elimina le carta copiativa, quella del progetto e le puntine e procedi a tagliare i contorni del compensato con l’archetto da traforo elettrico.
  • Devi muovere l’archetto nei due sensi, orizzontale e verticale. Quello verticale deve essere un movimento rapido e la velocità deve aumentare man mano che ti avvicini alla curva da tagliare. Se tale curva è molto stretta ed insidiosa, devi limitare la velocità del movimento.
  • Dopo aver tagliato la chiglia devi provvedere a rifinirla con cura, prima con la carta vetrata e poi con quella abrasiva.
  • Se sono presenti differenti pezzi della chiglia, si possono fissare assieme utilizzando la colla vinilica e dei chiodini di ottone su cui far pressione con il piantachiodi o il martello di precisione da 100 gr.

Le versioni più lussuose di modellini navali

Oltre al compensato, alcune chiglie possono essere realizzate anche con materiali più pregiati, come ad esempio legno di mogano rifinito e lucidato con trattamenti particolari che ne assicurano facilità di intaglio e una resa estetica eccezionale e duratura nel tempo.
Si tratta di versioni di lusso e di pregio artigianale, delle vere e proprie opere d’arte che richiedono un’esperienza decennale e un lavoro certosino.

E-shop

2 pensieri su “Modellismo navale statico Costruzione della chiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!